indietro

PROGETTO “FORMAZIONE GENITORI”

L’ascolto nella relazione genitori-figli

Presentazione

Il pensiero, l’apprendimento e la conoscenza, che sono funzioni cognitive superiori, sono strettamente collegate con le funzioni affettive. La capacità di pensare dipende dal sentire e dal capire quello che ci accade dentro: lo sviluppo dell’affettività e dell’emotività, la capacità di contenerla e di elaborarla permette di pensare e di apprendere.

Per un adolescente, come per chiunque, sperimentare che la propria ansia può essere espressa, compresa e condivisa dagli altri non è solo un enorme sollievo, ma un potente fattore propulsore di cambiamento e di voglia di imparare.

La scuola diventa luogo significativo nel momento in cui attiva “spazi di ascolto”, dove adulti e ragazzi possono incontrarsi là dove sono emotivamente.

Potenziare gli atteggiamenti e i comportamenti di ascolto nella scuola significa anche prendersi cura delle relazioni vissute nell’ambito familiare, valorizzando le risorse educative dei genitori.

Obiettivi

Il progetto, rivolto ai genitori degli studenti, si propone i seguenti obiettivi:

-       aumentare la consapevolezza dell’importanza dell’ascolto nella relazione con i propri figli

-       valorizzare il senso di competenza e di fiducia nel proprio ruolo educativo

-       riconoscere il valore educativo del confronto e dello scambio di esperienze tra genitori

Contenuti

Perché l’ascolto: esplorare il significato e l’importanza dell’ascolto

Cosa e come ascoltare: conoscere e utilizzare le abilità di ascolto

Come farsi ascoltare dai figli: conoscere e utilizzare alcune abilità della comunicazione

Il confronto: ascoltarsi tra genitori

Modalità di lavoro

Alternanza tra momento formativo (lezione frontale) e coinvolgimento attivo dei partecipanti (lavoro individuale o a coppie)

Tempi

4 incontri di due ore ciascuno, per un totale di 8 ore complessive.

©All Rights Reserved Lindbergh 2003-2008

indietro